Ultime Notizie
logo lavoro in svizzera

Notizie Lavoro in Svizzera

Notizie lavoro in Svizzera e nel cantone italiano Ticino

È svizzera la mail più sicura del mondo

Si chiama ProtonMail, semplice ma sicura. Tanto sicura da essere immune anche al controllo della National Security Agency

emai

Sindrome da controllo
La questione delle mail controllate (e non solo mail) da parte dell’americana National Security Agency, ha portato alla ribalta un argomento molto delicato come quello delle informazioni che vengono controllate. Un problema che ha coinvolto anche la ricerca scintifica e tecnologica, con la necessità di creare sistemi più sicuri. Nasce così e arriva dalla Svizzera e da alcuni ricercatori del Cern, ProtonMail, un sistema che consente lo scambio di mail con il contenuto cifrato.

Come funziona
Come funziona questa mail che, dalla Svizzera, si presenta come la più sicura al mondo?Il sistema, in pratica, permette di cifrare i dati del browser ben prima che entrino nel server. Le mail che vengono spedite, dopo poco, si cancellano in automatico. I ricercatori protagonisti di questa invenzione dicono di avere iniziato a lavorare a questa idea prima del caso Snowden ma di aver dato un’accelerazione al loro lavoro dopo questo caso mondiale.

Perché
Perché nasce questa mail? Per poter essere di facile utilizzo ma molto più sicura. E il fatto che il server di essa sia in Svizzera fa sì che sia più difficile, per la legge USA, accedere a informazioni sugli utenti. E nasce perché il problema della difesa della privacy è importante tanto quello di libertà di parola. Ed è proprio questa che, anche secondo i ricercatori, viene messa in pericolo dal controllo che alcuni governi attuano sulle mail dei cittadini.

Deve ancora migliorare
Certo, come dicono gli stessi ricercatori, ancora molte sono le migliorie che ProtonMail deve avere. E ancora molte sono le potenziali funzionalità che questa mail può garantire. Ma la cosa fondamentale, e fa quasi sorridere, è che nessuno può leggere le mail tranne il destinatario. Sembra la scoperta dell’acqua calda, anche dal punto di vista dei diritti, ma così non è purtroppo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>